Cosa è per me la psicosintesi

Cosa è per me la psicosintesi

Di seguito un breve articolo su cosa è per me la psicosintesi.

Una definizione molto personale.

La psicosintesi è un vasto movimento di pensiero e di applicazioni pratiche fondato nei primi del ‘900 da Roberto Assagioli (1888-1974).

E’ attualmente promossa sia in Italia che all’estero, con l’obiettivo di promuovere il concetto di “sintesi” in tutti i possibili campi di applicazione, a partire da quello psicologico.

Psicoanalisi e psicosintesi.

La psicosintesi nasce sul tronco della psicoanalisi, includendola e superandola in una concezione più ampia, e come la psicoanalisi promuove l’integrazione tra conscio e inconscio.

Accoglie ed integra il meglio della psicologia mondiale in una sintesi armonica secondo la massima “è reale ciò che funziona, che ha effetto” (Goethe).

La psicosintesi è stata dapprima utilizzata come un insieme di metodi, tecniche ed esercizi per la cura dei disturbi psichici e psicosomatici (psicoterapia).

Successivamente ha esteso le sue applicazioni ai campi educativo, dell’auto-formazione, dello sviluppo del potenziale umano e dello sviluppo transpersonale.

Armonia tra scienza e spiritualità.

La psicosintesi è tensione scientifica verso la comprensione dell’essere umano nella totalità delle proprie esperienze esistenziali, inclusa la dimensione spirituale.

Una spiritualità estremamente concreta non necessariamente associabile a religioni e altri apparati.

Un modello integrativo.

Psicosintesi come modello olistico e integrativo capace di accogliere il meglio delle altre psicologie; è metodo autonomo ma in relazione con altre scuole.

E’ psicologia pratica che ha l’obiettivo di strutturare un nuovo assetto psicologico sufficientemente stabile nel tempo nel quale è presente un animo molteplice da gestire.

Coscienza e volontà sono chiamate a gestire le varie parti in gioco (concezione multi-personale della psiche umana).

Un sistema aperto.

Psicosintesi come “sistema aperto di strumenti pratici per la trasformazione della psiche” (Piero Ferrucci).

E’ stile di vita in armonia con la natura interna ed esterna all’uomo, come metodo altamente fruibile per utilizzare al meglio la psiche umana, altrimenti ingestibile.

Come danza tra analisi (che divide una cosa in mille parti per poterle esaminare) e sintesi, che riunisce le mille parti in una sola.

Una psicologia che umanizza.

Psicosintesi è anche “psicologia umanistica”, per la quale l’essere umano ha bisogno di crescere e di auto-affermare se stesso attraverso la propria realizzazione personale.

E’ anche “psicologia esistenziale” e considera l’essere umano immerso nella molteplicità delle sue esperienze esistenziali, sia interne che esterne a se stesso.

Una prospettiva esistenziale.

Nell’ottica esistenziale psicosintetica l’uomo esercita quotidianamente il suo “esserci nel mondo” (A. Alberti).

Essere umano come osservatore astratto e distaccato e come soggetto vivente ancorato alla realtà, una presenza viva e vitale, che sperimenta la vita e s’immerge concretamente nelle sue esperienze a tutti i livelli.

Un “esserci dinamico” (A. Alberti), di colui che è capace di operare scelte, di prendere decisioni, di porsi dei progetti e di lavorare alla loro concreta realizzazione.

Una psicologia transpersonale.

Psicosintesi è infine “psicologia transpersonale”: studia anche gli stati di coscienza non ordinari (es. trance, meditazione, ecc.).

Assagioli: “psicosintesi per coloro che vogliono diventare signori (e padroni) del loro mondo interiore” (sfera del potere verso se stessi e dello sviluppo del potenziale umano).

Assagioli: “conosci, possiedi e trasforma te stesso”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi