Ansia: che fare?

Ansia: che fare?

L’ansia può essere definita come un’esperienza soggettiva specifica, prevalentemente cosciente, caratterizzata da sensazioni di paura di intensità e durata variabili, che può essere in relazione o meno con uno stimolo specifico immediatamente individuabile (interno o esterno alla persona) che può essere in relazione con difficoltà di adattamento ad una fonte di stress.

La distinzione tra “ansia” (stato d’animo del quale sono note le cause profonde) e “angoscia” (condizione nella quale invece il soggetto non ne è consapevole) è caratteristica delle lingue latine: in tedesco, per esempio, per riferirsi sia ad ansia che ad angoscia si utilizza la parola Angst.

L’ansia può anche essere considerata come una complessa combinazione di emozioni che includono paura, apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche quali respiro corto, tachicardie, tremori, affanno, pressioni sul petto, nausea, emicranie, tensioni al collo e alla schiena, stanchezza cronica, irrequietezze, vertigini, mal di stomaco, cattiva digestione, mani sudate, problemi col sonno e col sogno (incubi), ecc.

Così come in altri casi, le definizioni sono influenzate dall’interpretazione dei sintomi, aspetto che coinvolge la percezione, il sistema di credenze e l’immaginario dell’operatore consultato. Per alcuni, infatti, l’ansia è una malattia da curare, mentre per altri essa consiste in preziose energie che non hanno ancora trovato un canale espressivo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi